Campionati del Mondo Giovanili: sette medaglie per la Spagna e sette paesi prendono medaglie

Nuove stelle brillano - lo spagnolo Iu Net Puig e Jan Castillo primo e secondo quest'oggi nel VERTICAL, categoria Youth A, 15-17 anni. ©Discover Abruzzo

Come da pronostico, la Spagna è tornata a vincere e si è assicurata sette medagliequattro ori – delle 18 in palio nella disciplina VERTICAL di oggi alla quinta edizione dei Campionati Mondiali Giovanili di Skyrunning a L’Aquila, in Italia.

Sette paesi hanno portato a casa medaglie: Spagna, Norvegia, Repubblica Ceca, Italia, Ungheria, Andorra e Svizzera. Il percorso VERTICAL si è svolto per la quarta volta al Gran Sasso Vertical, un classico Vertical Kilometer® lungo 3,8 km e un dislivello da brivido 1.033m, tanto più impegnativo a causa delle alte temperature.

Lo statunitense Parke Chapin, quarto, e l'italiano Martino Uzeri, ottavo, nella categoria Youth A, 15-17 anni. ©Discover Abruzzo

Daniel Osanz nella categoria U23 ha ancora una volta rubato lo spettacolo, chiudendo in 36’36”, ma ha lasciato intatto il proprio record di 34’52”. È la nuova stella anche sulla scena internazionale: questa è la sua settima medaglia ai Campionati Giovanili e ha conquistato una medaglia d’argento nel VERTICAL ai recenti Mondiali di Skyrunning 2020 in Spagna.

La Norvegia è una nazione in ascesa e dopo prima presenza ai Campionati nel 2019, oggi si è assicurata un oro, un argento e un bronzo. La gara maschile degli U23 è stata molto combattuta con il nuovo arrivato Kasper Fosser dalla Norvegia secondo, a soli 13” dalla medaglia d’oro. Terzo lo svizzero Daniele Fontana, che ha battuto di 12” il connazionale Jonas Soldini.

L'andorrano Max Palmitjavila sulla via per il bronzo. Un'altra stella della categoria A. ©Discover Abruzzo

La ceca Barbora Macurova ha dominato la gara U23 femminile con oltre 2’30” sulla spagnola Anna Guirado, medaglia d’argento. Il bronzo è andato all’italiana Martina Bilora.

Due delle quattro medaglie d’oro della Spagna sono state conquistate nella categoria Youth B con Albert Perez, terzo assoluto, che ha battuto l’italiano Lorenzo Rota Martir e il norvegese Trym Dalset.

Moana Kehres ha sbaragliato la concorrenza nella gara femminile, vincendo con quasi quattro minuti sull’ungherese Luca Nementh, che ha conquistato un’altra medaglia d’argento dopo quella del 2019. L’italiana Luisa Valenti ha preso il bronzo.

La spagnola Moana Kehres punta gli occhi sulla medaglia d'ora nella Youth B. ©Discover Abruzzo

La categoria Youth A include ora atleti di età compresa tra 15 e 17 anni, quindi un grande applauso a questi giovani contendenti. La sorpresa più grande è arrivata oggi da due astri nascenti: Iu Net Puig dalla Spagna, quarto assoluto con un superbo 39’17” (43” dal precedente record di categoria) e Ida Waldal dalla Norvegia che è stata la donna più veloce in assoluto in 47’07”, a 3’35” dal record femminile.

È stata una gara davvero divertente, un bel percorso con un’atmosfera fantastica e molte persone che applaudivano al traguardo!” ha commentato Waldal. “Ho fatto del mio meglio, ma sono rimasta un po’ sorpresa di quanto fosse buono il risultato!

Ida Waldal dalla Norvegia ha sofferto il caldo, ma amato l'atmosfera...e la sua medaglia d'oro! ©Discover Abruzzo

La disciplina VERTICAL è valida per il titolo di Combinata insieme ai risultati della disciplina SKY di domenica prossima.

Sono in palio 54 medaglie, distribuite in tre categorie di età: Youth A (15-17), Youth B (18-20) e U23 (21-23). Le medaglie individuali sono assegnate ai vincitori di ogni evento.

Dopo una giornata di riposo e di celebrazione dei colori nazionali alla cerimonia di apertura di sabato, domenica sarà la volta della disciplina SKY. Mentre gli atleti Youth A correranno su un percorso ridotto, Youth B e U23 proveranno il duro percorso completo della Gran Sasso SkyRace®, 23 km e 2.369m di dislivello. I record da battere sull’intero percorso appartengono alla spagnola Claudia Sabata in 3h04’28” e allo svizzero Roberto Delorenzi, 2h23’16”.

I Campionati Mondiali Giovanili di Skyrunning, che si tengono ogni anno dal 2016, hanno lo scopo di sviluppare e promuovere lo sport per il futuro e sono supportati in parte dai contributi dei membri ISF. I Campionati sono organizzati in collaborazione con la Federazione Italiana Skyrunning (FISKY). Saranno effettuati test antidoping WADA.

Sintonizzati domenica e segui il live tracking qui.

Risultati Gran Sasso Vertical

Vertical U23 uomini

  1. Daniel Osanz (ESP) – 36’36”
  2. Kasper Fosser (NOR) – 36’49”
  3. Daniele Fontana (SUI) – 39’27”

Vertical U23 donne

  1. Barbora Macurova (CZE) – 47’21”
  2. Anna Guirado (ESP) – 50’00”
  3. Martina Bilora (ITA) – 52’10”

Youth B uomini

  1. Albert Perez (ESP) – 38’35”
  2. Lorenzo Rota Martir (ITA) – 40’37”
  3. Trym Dalset Lødøen (NOR) – 42’06”

Youth B donne

  1. Moana Kehres (ESP) – 50’08”
  2. Luca Nemeth (HUN) – 53’57”
  3. Luisa Valenti (ITA) – 55’12”

Youth A uomini

  1. Iu Net Puig (ESP) – 39’17”
  2. Jan Castillo (ESP) – 39’46”
  3. Max PALMITJAVILA (AND) – 44’27”

Youth A donne

  1. Ida Waldal (NOR) – 47’07”
  2. Gabriela Lasalle (ESP) – 53’55”
  3. Lea Ancion (AND) – 55’21”

Classifica completa

Classifica per nazioni (provvisoria)